Vai al contenuto

Dopo una settimana di silenzio social ma di forte impegno e lavoro dietro le quinte, per la #NessunServizio era tempo di rinfrescare la mente.

Siamo stati al #Rosso19, una vineria dove tra un buon bicchiere e l’altro poi gustarti un tagliere di salumi o formaggi o un primo o un secondo, tutti piatti che seguono la stagionalità!

E se hai dubbi puoi tranquillamente affidarti ai padroni di casa: preparati, ospitali e disponibili verso noi rompiballe!

Da segnalare, in quanto vineria, l’ottima selezione di etichette della cantina, noi ci siamo lanciati su un’erbaluce, tipico del territorio, veramente degno di nota!

Cenando fuori nel dehor, si percepisce l’atmosfera di un tipico paesino piemontese immerso nei vigneti! Dove forse va ancora di moda un buon Barbera, spesso, di quelli che macchiano il bicchiere!

fare beneficenza giocando a calcio

Tra i tanti progetti che stiamo portando avanti, non potevamo rimanere fuori dalla beneficenza e dare una mano a chi è meno fortunato di noi.

La settimana scorsa abbiamo dato il nostro piccolo contributo a questa onorevole causa. Per fare questo ci siamo appoggiati a Football Aid.

Siete curiosi di capire cosa abbiamo realizzato?

Il concetto di Football Aid è semplice: permettere ai fan di provare il brivido del match day indossando la loro esclusiva maglietta personalizzata, entrare negli spogliatoi e vedere la propria casacca li ad attenderli, percorrere il tunnel fino al suono di una folla festante, uscire sul campo di gioco e rappresentare la propria squadra, raccogliendo in tal modo fondi per attività benefiche

PER I 90 MINUTI DI UNA PARTITA SEI UN CALCIATORE VERO!

Noi della NessunServizio siamo stati a Derby County, piccola città che ospita la squadra del Derby County Football Club, nota semplicemente come Derby County, soprannominati Rams.

Dovunque si presenti, la NessunServizio lascia il segno, Dario ci regala una delle sue rare perle segnando il goal del momentaneo pareggio!

footballaid hashtag

#StayTuned  #StayWithUs #NessunServizio

il prosecco da dove tutto parte

Il prosecco negli ultimi anni è entrato nelle nostre abitudini alimentari, purtroppo spesso ci troviamo a constatare che bere del buon prosecco non sia così ovvio. Nella maggioranza dei casi alla prima sorsata sentiamo in bocca, insieme alla CO2, un’acidità pari a quella dell’acido solforico usato per sturare i lavandini. Come è possibile che il gusto del prosecco sia cosi terribile, sebbene lo stesso sia tanto decantato?

Non è che facciamo qualche errore?Magari prendendo per buon prosecco delle bottiglie che i veneti chiamerebbero in modo dispregiativo? Per toglierci questi dubbi la NessunServizio è andata alla fonte, in questo caso alla botte, per dissetarci di sapienza.

colline processo


Abbiamo assaggiato varie tipologie di prosecco, vero, da quello col fondo, tipicamente destinato a un uso locale, al tranquillo, passando per le denominazioni ufficiali: dry, extra dry, millesimato, rosato, brut, per finire allo zero zuccheri chiamato anche extra brut… Voi conoscete le differenze tra queste etichette?

Da questa esperienza, che ci ha aperto un mondo di curiosità e conoscenza, abbiamo deciso che era ora di fare qualcosa di concreto. Con i bicchieri in mano, ci siamo resi conto che siamo circondati da proposte di servizi e consulenza inutili e noiosi!

Da qui il seme dell'idea di #NessunServizio, il punto zero dei servizi, esperienze e idee dal nostro punto di vista. Il prosecco ha aperto i nostri occhi e la nostra fantasia, raccontandoci proveremo a proporre anche a voi degli spunti su cui porre la vostra attenzione!

Stay tuned with #NessunServizio